Youmore » Senza categoria

Category Archives: Senza categoria

Speak it Loud: Diversity, Migration, Culture

Senza categoria

Perspectives from the Italian team 

Introduction

The project “Speak It Loud: Diversity, Migration, Culture” provided a unique opportunity to delve into the intricate process of migration, and address challenges related to fear, racism, and stereotypes. Through active intercultural dialogue, and the exchange of point of views among participants from diverse backgrounds, we were able to explore the roots of stereotypes and understand the impact of our mindsets on the perception of other nations. The active involvement of youth played a pivotal role in shaping the project, allowing us to respond to specific needs and achieve tangible results in terms of awareness and social change.

The project: aim, activities and reflection

In particular, the project aimed to foster a deep understanding and appreciation of cultural diversity among its participants, enhancing intercultural learning and encouraging meaningful dialogue. It seeked to empower individuals with a sense of social responsibility, highlighting the impact they can have on challenging and changing stereotypes about other nations.
A key component was to educate participants about the complexity of migration, distinguishing between different categories such as labor migrants, refugees, asylum seekers, and internally displaced people. Additionally, the project intended to equip participants with the necessary knowledge and tools to effectively share what they have learnt within their own communities through the organisation of workshops. At its core, the initiative strived to cultivate strong, collaborative relationships between participants from different countries, emphasising the importance of tolerance and understanding towards all nations and the diverse reasons behind migration.

In order to achieve those objectives, fifty young people from five different countries (Armenia, Germany, Italy, Poland, and Ukraine) were invited to join the exchange, during which we carried out different types of activities, involving simulation games, theatre performances and workshops. The main goal was to shed light on the widespread problem of discrimination and show its real-life impact in our respective countries. At the same time, the activities aimed to solve, or at least mitigate, the challenges daily faced by immigrants, and in particular those connected with prejudice and stereotypes.

Thus, thanks to active and creative non-formal education, every participant managed to show, share and discuss their cultural perceptions on the wider phenomena of migration. As participants, we therefore had the chance to learn and investigate the cultural peculiarities of the other participants, but also of our own, constantly seeking to eradicate unjust attitudes and labels, and at the same time provide participants with an understanding of the importance and power of intercultural dialogue.

Immagine che contiene vestiti, persona, donna, gruppo

Descrizione generata automaticamente

The warmth of Armenia: exploring and getting to know each other 

During the project we stayed in the city of Gyumri, in the north-east of the country, not far from the border with Georgia. Gyumri is known for its cultural and artistic heritage, and it managed to give us a warm welcome and experience despite the sub-zero temperatures and heavy snowfall. On our free days we visited the Marmashen monastery, located not far from the city. The beauty of the monastery left us speechless, but what impressed us the most was the natural landscape that surrounds it. Finally, in order to fully experience Armenia, we organised a trip to visit the capital Yerevan and the nearby monastery of Gherard, Garni temple and the geological site of the Symphony of Stones: all places steeped in culture that will always be in our hearts. 

Immagine che contiene cielo, aria aperta, persona, nuvola

Descrizione generata automaticamente

Overall, joining this intercultural exchange meant diving into an environment rich with diversity, where every dialogue and activity became an opportunity to challenge our own beliefs and broaden our horizons. 
The relationships with the other young participants, coming from different countries and backgrounds, enriched our personal journey, allowing us to discover new perspectives on migration, culture, and the importance of intercultural dialogue.

Every conversation, simulation game, theatre performance, and workshop were not just educational activities but moments of deep human sharing, where laughter, emotions, and sometimes tears intertwined, creating unbreakable bonds. 
This experience highlighted how understanding and accepting diversity can truly generate positive change in society, combating stereotypes and discrimination. It showed how behind statistics and political beliefs stand people with their personal stories, seeking dignity, safety, and a better life. 
We came back home not only with unforgettable memories but also with the awareness that cultural barriers can be broken down through mutual respect and listening.

Conclusion

As we conclude this journey of intercultural exchange, we reflect on the profound impact it had on each of us. From challenging our beliefs to forging unbreakable bonds, this experience has been transformative. We depart with a deeper understanding of the power of diversity and the importance of fostering mutual respect. Let us carry these lessons forward as we strive to create a more inclusive and empathetic society.

(Abdelrhman, Alessia, Alice, Anna, Cecilia, Emma, Francesca, Mergi e Samuel)

Published by:

Scambio giovanile GreenGen Empowering Youth for a Sustainable Future in Armenia

Si parte in Armenia – Tsakhadzor

Cosa Aspettarsi:

Le questioni ambientali sono cresciute negli ultimi anni grazie alla
consapevolezza dell’opinione pubblica e della ricerca ambientale. Si è
ha iniziato a comprendere idee essenziali come la “sostenibilità”, oltre a
sostenibilità”, ma anche nuove preoccupazioni emergenti.

Continue reading
Published by:

Scambio Giovanile in Finlandia: Luci, Camera, Azione per il Clima!

Senza categoria

Siamo entusiasti di presentare un’opportunità entusiasmante nella terra dei mille laghi – la Finlandia! Il programma di scambio giovanile Ignition sarà incentrato sull’ambiente, il cinema e il teatro. Preparatevi a liberare la vostra creatività creando spettacoli e film che non solo intratterranno, ma contribuiranno anche all’azione e alla consapevolezza climatica.

Lo scambio giovanile è pensato per 4 partecipanti di età compresa tra i 15 e i 17 anni, accompagnati da un groupleader. Lo sfondo pittoresco della Finlandia sarà lo scenario di un’esperienza trasformativa incentrata sull’ambiente, incoraggiando le giovani menti a utilizzare i loro talenti artistici per avere un impatto positivo sulle questioni climatiche.

Cosa Aspettarsi:

  • Collaborazione Creativa: Impegnati in sforzi collaborativi con gli altri partecipanti per sviluppare spettacoli e film che affrontano le sfide ambientali. Le tue espressioni artistiche diventeranno un potente mezzo per sensibilizzare e ispirare all’azione.
  • Scambio Culturale: Immergiti nella ricca cultura della Finlandia, interagisci con le comunità locali e scopri le loro pratiche sostenibili.
  • Sviluppo delle Competenze: Perfeziona le tue competenze nella scrittura di sceneggiature, recitazione, ripresa e montaggio.

Requisiti:

  • 15 – 17 anni
  • interesse per l’ambiente
  • livello base di inglese
  • motivazione e voglia di partecipare

Invia qui la tua candidatura insieme a una breve dichiarazione che esprima il tuo interesse per le questioni ambientali e il motivo per cui credi che le arti e i media possano guidare un cambiamento positivo.

Unisciti a noi in Finlandia per un’esperienza indimenticabile che plasmerà le tue abilità artistiche e ti aiuterà a fare la differenza!

Candidature fino al 18 febbraio.

Published by:

From The Ground Up: un’Opportunità Magica!

Senza categoria

Se sei un operatore giovanile, insegnante, mentore o volontario che lavora quotidianamente con e per i giovani, potresti essere il candidato ideale per un corso di formazione straordinario nell’ambito del programma Erasmus+. Il bando per il progetto From The Ground Up è ora aperto a candidati di età superiore ai 18 anni, senza limite di età (è richiesto un livello di inglese sufficiente per poter interagire con gli altri partecipanti).

Il corso, ispirato al lavoro di Sharon Blackie, utilizza miti e narrazioni per guidare i partecipanti in un viaggio di auto-scoperta fiabesco, concentrandosi su attività basate sulla consapevolezza, l’esplorazione interiore, l’immersione nella natura e la connessione con se stessi e gli altri.

🌍Dove? Lleida, Spagna

📆Quando? 22 – 31 maggio 2024

👥Chi? Youthworker dai 18 anni in su

L’obiettivo del corso è affrontare le sfide incontrate da coloro che operano nel campo giovanile, dando loro gli strumenti per prendere in mano il proprio destino, sia personalmente che professionalmente.

Invece di seguire il tradizionale percorso di carriera, che potrebbe sembrare limitante e causare ansie e perdita di entusiasmo, il corso invita i partecipanti a esplorare e creare i propri miti personali, la propria storia di successo unica da cui trarre ispirazione e su cui contare nei momenti di confusione, dubbio e insicurezza.

Cerchiamo partecipanti fortemente motivati, interessati al miglioramento della loro attività in campo giovanile e disposti a partecipare attivamente alla preparazione preliminare, al corso di formazione e al follow-up, ovvero la diffusione dei risultati del progetto a livello locale. È infatti previsto che, al termine del corso, i partecipanti applichino le competenze acquisite sul campo migliorando l’operato dello youthworker nella sua comunità.

E, ricorda, ti consigliamo di utilizzare mezzi di trasporto sostenibili ed ecologici quando possibile, come i treni o gli autobus.

Hai tempo fino al 20 febbraio per candidarti al corso di formazione, cliccando qui.

n.b. saranno considerate solo le candidature espresse attraverso il nostro portale di registrazione: https://www.youmore.org/registrazione/

Per maggiori informazioni, consulta l’infopack qui sotto e non esitare a contattarci per ulteriori domande. Vi aspettiamo!

Published by:

VALUE YOUR VALUES: scambio giovanile in Spagna

Senza categoria

👥 Sono aperte le candidature per lo scambio giovanile Value Your Values ad Alicante, Spagna!  Potresti essere il protagonista ideale per il nostro avventuroso scambio, che ti permetterà di dire la tua su tematiche che fanno la differenza nella società di oggi, confrontandoti con giovani di background e culture differenti.

Value Your Values si propone di insegnare ai partecipanti a navigare tra i diversi sistemi di valori della nostra società. L’obiettivo è fornire loro la capacità di comprendere le relazioni tra i valori individuali e sociali, costruire sistemi di valori sani e relazionarsi in modo positivo nel confronto con il prossimo. Il progetto promuove la convivenza pacifica e la comprensione interculturale, offrendo ai giovani strumenti per definire i propri valori e interagire in modo rispettoso con persone di background differenti. Si mira a contribuire alla creazione di una società più giusta, equa e compassionevole, sviluppando anche abilità interpersonali e socio-emotive, come l’empatia e la tolleranza.

Il tutto si svolgerà attraverso attività dinamiche e coinvolgenti, quali:

  • Workshop interattivi
  • Discussioni guidate
  • Esperienze culturali
  • Attività all’aperto

Profilo del Partecipante:

👥 Età: 18-30 anni

💬 Motivazione

🌍 Capacità di interagire in lingua inglese

Quando e Dove:

📆 Date: 4 – 10 maggio (giorni di viaggio 3 e 11 maggio)

🏡 Luogo: Alicante, Spagna

🏨 Alloggio: Hostel La Florida

N.B. Per il successo del progetto, invitiamo i candidati a tenere in considerazione che lo scambio giovanile richiede la partecipazione attiva di tutti; pertanto, le candidature a fine “vacanziero” verranno respinte. Durante il progetto verranno riservati momenti di tempo libero per le escursioni, il divertimento, e le visite del posto.

Come Candidarsi:

La scadenza per le candidature è il 25 febbraio. Per candidarti, consulta l’infopack qui sotto e clicca qui per compilare il modulo di registrazione. Non perdere l’opportunità di essere parte di questa avventura unica!

📌 Link per Candidarsi: https://www.youmore.org/registrazione/

Unisciti a noi per esplorare, imparare e crescere in una delle città più vivaci della Spagna! 🌍✨

Published by:

Scambio Giovanile PRISM: il teatro e il cinema come mezzi di inclusione

Senza categoria

Siamo felici di annunciare un’opportunità da non perdere! 🚀 Sono aparte le candidature per lo scambio giovanile PRISM: Youmore sta cercando 8 partecipanti pronti a vivere un’avventura indimenticabile in Irlanda, discutendo di temi di rilievo sociale e sviluppando, attraverso il dialogo, la cooperazione, il teatro e il cinema, tecniche di supporto e solidarietà alla comunità LGBTQIA+. Lo scambio prevede inoltre un giorno di visita a Dublino per esplorare i segreti di una città ricchissima e vivace!

  • 🗓 Quando: 2-9 giugno (compresi i giorni di viaggio)
  • 🌍 Dove: Maynooth University, Irlanda
  • 🌟 Chi: 6 giovani (15-19 anni) + 2 Group Leader (18+)

Perché Dovresti Partecipare:

  • 🤝 Puoi farti nuovi amici provenienti da tutta Europa
  • 🌈 Esplorerai il cinema e il teatro come strumenti di inclusione per la comunità LGBTQIA+
  • 🏰 Potrai immergerti nella magia dell’Irlanda presso la Maynooth University

Come Candidarsi:

Clicca qui per compilare il modulo di registrazione entro l’11 febbraio, specificando il titolo del progetto a cui vuoi partecipare (PRISM).

Per maggiori informazioni, puoi leggere l’infopack in fondo alla pagina.

🔥 Non perdere l’occasione di creare ricordi epici e unirti a noi in questa avventura unica!


Published by:

Social Justice Club: Our Lithuanian Journey

Senza categoria

Our friends are always asking about our Erasmus+ projects. For those who don’t know, a Youth Exchange is an educational experience that involves young people from different European countries, offering them the opportunity to share cultures, ideas and skills through activities and collaborative experiences.

What about us? Five countries took part in a project in Druskininkai, Lithuania, concerning the theme of social justice, among which Spain, Italy, Bulgaria, Greece and the host country itself. This exchange allowed us to improve, in addition to our language skills, our ability to put ourselves at stake as individuals and as a group, our knowledge on the activities’ topics and more generally our ability to exercise our rights and duties as active citizens in our society.

Thanks to our lovely facilitators Carlos and Jurgita, we had the opportunity to get to talk more about those topics that aren’t discussed enough but that at the same time are fundamental for a civil and peaceful coexistence.

More specifically, we brainstormed ideas of social justice, managing to come up with a definition that allowed us to move forward with the activities.

We then came to concretize these topics with practical activities and games. Among all the issues that have been dealt with, such as legitimacy, power and privilege, conflicting identities and empowerment, the most debated was social rights over which we detabed, sometimes getting too excited to the point it became an active debate but always showing interest and respect.

These comparisons helped us open our minds, trying to change our point of view in case of error. In the middle of this unforgettable experience we had the opportunity to visit Druskininkai, a small but cozy village near our accommodation.

The atmosphere was dreamy, with snow covering everything and the lake where we spent some of our time together (a greeting to Drunka). It was a very interesting trip since we learned something about the town, and we tasted the spa water (our faces that were a little disgusted but also funny).

Let’s not leave out our unforgettable nights spent together dancing, singing and playing, but above all learning a little more about the beautiful countries that took part in this project, the commitment they put into showing everyone the passion and love for their home and the fact that they urged us to visit them.

We just have to thank everyone and recommend these experiences to our friends because the Erasmus experience is a unique journey that enriches your life in unimaginable ways. Living in a foreign country, immersing yourself in a new culture and making international friends creates a stimulating and transformative environment. Erasmus projects are not only exchange programmes, they are indelible chapters of personal discovery and collection.

written by: Arbjona and Elly

Published by:

Oltre l’Obiettivo: i risultati del progetto Take a Green Shoot e le testimonianze del nostro team

Senza categoria
photo by Gabriel Escobar

Il mese di ottobre ha segnato l’inizio di un’avventura unica nel suo genere: lo scambio giovanile Take a Green Shoot in Armenia, dedicato al mondo della fotografia e dell’ecosostenibilità. Durante questo progetto, il nostro team italiano ha avuto l’opportunità non solo di affinare le tecniche della fotografia, ma anche di esplorare la cultura e la storia di un paese ricco di tradizioni. Attraverso workshop avvincenti e attività condotte in modalità peer-to-peer, i partecipanti hanno scoperto il potere delle immagini nel comunicare storie e emozioni.

Catturare l’Anima di Haghartsin, Yerevan e il Lago Sevan

Le gite in diversi luoghi simbolo dell’Armenia sono state indimenticabili. Il Monastero di Haghartsin e il lago Sevan, avvolti da un’atmosfera mistica, hanno offerto scenari mozzafiato, e le strade di Yerevan, con la loro vivacità e colori, hanno rappresentato una fonte inesauribile di ispirazione per le nostre fotografie. Una tappa imperdibile è stata la visita al TUMO Center, centro per la creatività e le tecnologie che da anni riunisce centinaia di giovani offrendo loro corsi e lezioni. Ma non ci siamo occupati solo di fotografia! In una delle nostre gite abbiamo indossato il grembiule da cucina per preparare insieme alle signore locali la gata, dolce tradizionale armeno. La sessione di cucina si è conclusa con una degustazione di vino tipico, nei territori in cui la produzione di vino affonda le sue radici.

Ma ora vogliamo dare voce ai partecipanti, a testimonianza di un viaggio che va oltre il semplice clic di una macchina fotografica!

Francesco: Ho già partecipato a molti progetti durante quest’anno, ma è sempre incredibile scoprire nuove culture e conoscere altre persone in modo più profondo rispetto a quando incontri qualcuno nella vita quotidiana. Questo progetto mi ha fatto capire qualcosa riguardo alla mia vita futura: diventerò un facilitatore per questo tipo di progetti.

Alice: Prima di venire in Armenia non avevo aspettative riguardo al paese e alla cultura, ma sono rimasta molto sorpresa. Fin dall’inizio tutto è stato fantastico e mi sono innamorata dell’Armenia, anche grazie al viaggio organizzato per noi dai facilitatori; le montagne, le chiese, la gata, tutto era incredibile. L’Armenia è stata una scoperta inaspettata e ci tornerò sicuramente.

Sveva: Le tematiche del progetto sono molto attuali e ho trovato l’idea di presentare la crisi ambientale attraverso l’uso delle tecniche di fotografia e videomaking molto interessante e innovativa, nell’ambito dei progetti Erasmus.

Stefano: Spesso la chiusura nel proprio quotidiano fa dimenticare quanto varie e meravigliose le persone possano essere, così è necessario andare fino ai confini più estremi del continente per ritrovare il cuore dell’Europa.

Sofia: Sono immensamente grata a Youmore per l’opportunità di prendere parte a un’esperienza così ricca di incontri, storie, condivisione, scoperte, paesaggi che sembrano cristallizzati nel tempo, e connessioni uniche. L’Armenia sarà sempre nel mio cuore!

Riccardo: Per me è stata un’esperienza notevole, le persone conosciute fantastiche, l’apertura mentale trovata fa sperare in un buon futuro.

Eneda: Tsaghkadzor, per quanto viaggiassi senza il tempo di farmi delle aspettative, si è rivelata un autentico tesoro naturale e così le persone che ho conosciuto. I colori autunnali ci hanno accompagnato durante tutte le visite tra monasteri antichi ed escursioni mozzafiato, anche nella capitale la convivenza tra gli edifici più innovativi – come il TUMO Center for Creative Technologies – e i ricordi dei più antichi eventi – quale il complesso memoriale del Genocidio armeno – hanno contribuito alle emozioni di questa esperienza. Vorrei davvero che chi leggesse queste parole potesse esperire tutte le sensazioni di questo progetto, attraverso le foto e i video ognuno dei partecipanti ha cercato di catturarlo nella propria memoria digitale e psicologica. Eppure questo è dire tutto e niente, siamo continuamente bombardati da immagini e strumenti visivi…quello che abbiamo imparato è proprio questo: che senso ha una fotografia? Perché renderla green? Le fotografie sono mute eppure hanno qualcosa da dire: durante questo progetto una cinquantina di persone provenienti da Italia, Spagna, Bulgaria, Georgia, Germania, Armenia hanno imparato e insegnato l’importanza di “Take a green shoot” e cosa significa scattare una fotografia che colga gli aspetti più fragili e potenti che la Natura e l’ambiente ci vogliono comunicare.

English version

Beyond the Lens: Results of the Take a Green Shoot Project and Testimonials from Our Team

October marked the beginning of a truly unique adventure: the youth exchange program “Take a Green Shoot” in Armenia, dedicated to the worlds of photography and eco-sustainability. Throughout this project, our Italian team had the opportunity not only to refine photography techniques but also to explore the culture and history of a country rich in traditions. Through engaging workshops and peer-to-peer activities, participants discovered the power of images in conveying stories and emotions.

Capturing the Soul of Haghartsin, Yerevan, and Lake Sevan

The trips to various symbolic places in Armenia were unforgettable. The Haghartsin Monastery and Lake Sevan, wrapped in a mystical atmosphere, offered breathtaking scenery, and the streets of Yerevan, with their vibrancy and colors, proved an endless source of inspiration for our photographs. A must-visit was the TUMO Center, a hub for creativity and technology that has been bringing together hundreds of young minds through courses and lessons.

But it wasn’t all about photography! During one of our outings, we put our cooking aprons on to cook the traditional Armenian dessert, “gata,” with some precious local ladies. The cooking session concluded with a tasting of typical wine, in a region where wine production has deep-rooted traditions.

Now, let’s give the floor to the participants, sharing their voices from a journey that goes beyond the simple click of a camera!

Francesco: I’ve already participated in many projects this year, but it’s always amazing to discover new cultures and get to know people on a deeper level than you do in everyday life. This project made me realize something about my future life: I’ll become a facilitator for these kinds of projects.

Alice: Before coming to Armenia, I had no expectations about the country and the culture, but I was very surprised. From the beginning, everything was amazing, and I fell in love with Armenia, thanks also to the trip organized for us by the facilitators; the mountains, the churches, the gata, everything was incredible. Armenia was an unexpected discovery, and I will definitely come back.

Sveva: The project’s themes are very relevant, and I found the idea of presenting the environmental crisis through the use of photography and videomaking very interesting and innovative, within the context of Erasmus projects.

Stefano: Often, closing oneself off in daily life makes you forget how varied and wonderful people can be, so it’s necessary to go to the farthest corners of the continent to rediscover the heart of Europe.

Sofia: I am immensely grateful to Youmore for the opportunity to take part in an experience so rich in encounters, stories, sharing, discoveries, landscapes that seem crystallized in time, and unique connections. Armenia will always be in my heart!

Riccardo: For me, it was a remarkable experience, I met fantastic people, and the openmindedness I found gives hope for a great future.

Eneda: Tsaghkadzor, despite leaving without enough time to form expectations, turned out to be a genuine natural treasure, and so were the people I met. The autumn colors accompanied us throughout all the visits to ancient monasteries and breathtaking excursions. Even in the capital city, the coexistence of the most innovative buildings – such as the TUMO Center for Creative Technologies – and memories of historical events – such as the Armenian Genocide Memorial Complex – contributed to the emotions of this experience. I really wish that anyone reading these words could experience all the sensations of this project, through the photos and videos; each of the participants tried to capture it in their own digital and psychological memory. Yet, this is to say everything and nothing; we are continuously bombarded by images and visual tools… what we learned is precisely this: what sense does a photograph make? Why make it green? Photographs are silent, yet they have something to say: during this project, around fifty people from Italy, Spain, Bulgaria, Georgia, Germany, Armenia learned and taught the importance of “Take a green shoot” and what it means to take a photograph that captures the most fragile and powerful aspects that Nature and the environment want to communicate to us.

Published by:

Si torna in Lituania con “Social Justice Club”: partecipa al progetto!

Senza categoria

Ti incuriosisce il tema della giustizia sociale? Vorresti saperne di più riguardo alle differenti forme di giustizia e la loro influenza nella nostra vita quotidiana?
Se ti va di approfondire questi temi conoscendo nuove culture questa è la tua occasione!

Siamo alla ricerca di 5 partecipanti (4 + 1 Group Leader) per il progetto “Social Justice Club”, uno scambio giovanile che si terrà nella bellissima cornice di Druskininkai in Lituania. Il progetto si terrà dal 3 al 9 dicembre, e i giorni di viaggio saranno il 2 e il 10 dicembre e vedrà coinvolti 25 giovani provenienti da Italia, Lituania, Spagna, Grecia e Bulgaria.

Scopri di più nell’infopack

Le candidature sono aperte fino al 29 ottobre, non perdere quest’occasione!

Published by:

L.O.V.E.: aperto il bando per il training course contro estremismo e discriminazione

Senza categoria

Dove: Malta

Quando: 21 – 28 gennaio 2024

Requisiti: 18 – 30 anni

Con l’aumento vertiginoso delle tensioni sociali e dell’hate speech, si osserva anche un preoccupante incremento dei fenomeni di radicalizzazione giovanile: i giovani infatti si trovano sempre più spesso marginalizzati, discriminati, privati di un ruolo attivo nella loro comunità.

È qui che entra in gioco il progetto L.O.V.E., che si pone l’obiettivo di diffondere valori di accettazione e tolleranza tra i giovani, offrendo loro un’alternativa stimolante alla radicalizzazione attraverso workshop basati su strategie di educazione non formale.

Se ti interessano le tematiche sociali e vuoi contribuire al cambiamento, questo corso di formazione ti darà l’opportunità di far sentire la tua voce e di acquisire gli strumenti per intervenire in modo attivo nella società!

È prevista una quota partecipativa di 20euro a favore dell’associazione ospitante: per maggiori informazioni sullo svolgimento del training course, ti invitiamo a consultare l’infopack del progetto.

Clicca qui per candidarti entro il 2 novembre! (Si accettano solo le candidature effettuate tramite la sezione “Registrazione” di questo sito).

Published by: