Youmore » Blog Archives

Tag Archives: erasmusplus

Ciao!!! Mi chiamo Amanda

Ciao!!! Mi chiamo Amanda e ho 20 anni. Sono nata in Svezia e ho trascorso la maggior parte della mia vita lì (eccetto le vacanze) fino a novembre dell’anno scorso, quando ho deciso di fare il Servizio Volontario Europeo (SVE) e trasferirmi a Chiari, in Italia. Spostarsi da casa è un grosso problema, ma spostarsi in un altro paese è ancora più difficile. Fortunatamente ho avuto persone per aiutarmi fino in fondo. Il mio coordinatore in Svezia mi ha aiutato con tutto prima della mia partenza e le mie colleghe e compagne di stanza mi hanno supportato al 100% quando sono arrivata.
Quindi, perché ho deciso di fare uno SVE? Di solito quando Untitled design (2)vuoi partire per uno SVE cerchi e cerchi un progetto o un paese che si adatti alle tue preferenze, ma non è stato così per me. Ho finito il liceo a giugno 2017 e dopo 13 anni di scuola mi sono sentita come se fosse il momento di provare qualcos’altro. Ho lavorato in un’azienda di giardinaggio durante l’estate, ma poiché l’estate in Svezia è breve, ho dovuto trovare un altro lavoro in ottobre. Stavo cercando diversi lavori ma nulla sembrava giusto. Dopo un paio di settimane ho ricevuto una telefonata da una donna che mi chiedeva se fossi interessata al volontariato in Italia. Ho incontrato la persona che era responsabile di uno scambio giovanile e mi sono resa conto abbastanza velocemente che era quello che stavo aspettando. Un anno in un nuovo paese, con nuove persone, lavoro di volontariato e allo stesso tempo la possibilità di viaggiare in uno dei paesi più belli del mondo!
Quindi non ho scelto lo SVE, lo SVE ha scelto me!

Continue reading

Published by:

Seconda Edizione di “English Breakfast” a Desenzano del Garda

ENGLISH BREAKFAST

E si parte con la Seconda Edizione di “English Breakfast”

Ma cosa è “English Breakfast”? Si tratta di una bellissima iniziativa interamente svolta in lingua inglese allo scopo di promuovere la lingua, cultura e letteratura inglese! Ogni incontro è organizzato nel modo di offrire un’esperienza di apprendimento, unica, veloce, efficace e coinvolgente. Continue reading

Published by:

Scambio Giovanile in Romania:”Getting to know each other”

Vi ricordate Stefano Rossi? Un giovane da Cologne che recentemente ha ottenuto il premio di miglior Volontario di Youmore dell´anno 2017. Stefano, come un attivo giovane nell´ambito dei progetti Europei, ci ha inviato il risultato di uno scambio in Romania avvenuta con grande successo. In seguito vi presentiamo i risultati per la disseminazione di tale progetto.

Si è trattato di uno scambio giovanile di Erasmus+, il programma per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport finanziato dalla Commissione Europea.
Lo scambio si è svolto in Romania, nel comune di Horezu dal 25 aprile al 5 maggio 2018. I partecipanti provenivano da Romania, Spagna, Grecia, Polonia, Turchia e, ovviamente, Italia. La tematica era “gli origami come strumento di condivisione delle diverse culture”.
Prima dello scambio è stato chiesto ai futuri partecipanti di scegliere un origami che rappresentasse un simbolo del proprio paese, per poi spiegare il procedimento agli altri durante il progetto.
Oltre a questo ci sono stati momenti per visitare Horezu, la città di Sibiu in Transilvania e per conoscere le tradizioni dei paesi di provenienza degli altri partecipanti, durante le serate culturali.

Se vuoi, seguire le loro pagine Facebook e Instagram.

Continue reading

Published by:

Scambio Giovanile – Intercultural Boiler in Turchia

Nel passato gli abitanti del villaggio che ci ha ospitati si riunivano attorno alla caldaia cucinando e raccontandosi la giornata come in una grande famiglia. Così anche noi, ragazzi provenienti da Italia, Spagna, Lituania, Bulgaria e infine Turchia,siamo stati affettuosamente invitati a raccoglierci attorno a questo calderone e a dare un tocco di novità e multiculturalità a questo antico rituale. Dopo un lungo viaggio iniziato alle 7 di domenica 21 gennaio, siamo, in serata, finalmente giunti nella città di Düzce. Dopo una cena tipica in un ristorante del centro abbiamo avuto del tempo per rigenerarci nel tradizionale hammam (piscina, sauna e bagno turco) messo a disposizione dall’hotel, sfruttando questo momento per conoscere i nostri nuovi compagni di avventura. Continue reading

Published by:

Corsi di formazione in Svezia

pizap.com15162826640071Il 25 Novembre siamo partiti dall’Italia diretti a Goteborg, città svedese affacciata sul Mare del Nord, per partecipare alla prima parte di un training course incentrato sull “effective communication for peace”. Ad attenderci un bel sole che già nel primo pomeriggio sembrava volgere al tramonto, e che non ha tardato ad abbandonarci senza farsi più rivedere per il resto della nostra permanenza, ma cosa potevamo pretendere a Novembre in Svezia? :)).
Continue reading

Published by:

IT WAS AMAZING

Amazing: sorprendente, sbalorditivo, stupefacente.

Cosa mi aspetta? Chi sono le persone con cui condividerò questo viaggio? Troverò qualcosa di buono da mangiare? Dovrò davvero dividere la stanza con uno sconosciuto? E il bagno con venticinque sconosciuti? Riuscirò a comunicare? Queste le domande con cui siamo partiti.

Quando si riparte? Questa l’unica domanda con cui siamo tornati.

Quello che è accaduto nel mezzo è una bellissima storia, e per questo dobbiamo ringraziare Youmore Morcelli Giovani che promuove progetti rivolti ai ragazzi nell’ambito del programma comunitario ErasmusPlus interamente finanziato dalla Commissione Europea. Continue reading

Published by:

Appunti di viaggio: la mia prima settimana SVE

Il viaggio verso la Repubblica Ceca è stato piuttosto faticoso, ma la destinazione finale è valsa ogni tribolazione; la città di Hradec Králové è un gioiello. Vitale, giovane, con un polo culturale molto attivo (è infatti ricca di scuole ed università), è carpizap (9)atterizzata, come tutto il Centro Europa, da tonalità forti, dense, che si impongono all’osservatore.

L’associazione KURO (cultura e sviluppo in italiano), promuove la cultura e il volontariato nella città, sostenendo progetti di mobilità giovanile internazionale. Attraverso di essa, ho avuto modo di lavorare all’interno di un asilo gestito dall’Associazione YMCA, il quale mette in contatto i bambini con volontari stranieri, generando un modello di istruzione alquanto originale. Imparare l’inglese attraverso giochi e canzoni e il rispetto per la natura e ogni forma vivente attraverso il contatto diretto con gli animali, sono solo alcune delle attività che vengono svolte. Ciò che mi ha sorpreso è la possibilità data ai bambini di decidere cosa fare, senza forzarli. È un metodo innovativo, che produce ottimi risultati nei piccoli. Continue reading

Published by: