Warning: usort(): Array was modified by the user comparison function in /web/htdocs/www.youmore.org/home/wp-content/plugins/custom-sidebars/inc/class-custom-sidebars.php on line 707

Scambio Giovanile in Portogallo: “Learning Inclusive Forms of Exchange”

Comment

notizie progetti Scambi giovanili
Namnlös design

Questo post è disponibile anche in: Inglese

Destinazione: Portogallo. Obiettivo: Esperienza nuova

Il 15 febbraio la destinazione è stata raggiunta, da quel giorno, per una settimana, tutto ha funzionato e l’obiettivo è stato soddisfatto. Siamo partiti grazie a Youmore, cinque ragazzi, praticamente tutti sconosciuti tra loro oltre ad un group leader.

Il progetto era un’esperienza non formale in un paese sperduto vicino alla Sierra d’Estrella, non proprio in una metropoli; l’obiettivo principale era quello di creare ancora una volta, come dovrebbe essere sempre, una vera e propria comunità di persone sconosciute tra loro che per una settimana condividono totalmente spazi, regole, emozioni, difficoltà e tematiche.

Non è stato difficile: fortunatamente tutti i giovani arrivati avevano lo stesso entusiasmo e gli stessi timori e gli adulti che li guidavano si sono trovati subito in sintonia, per cui il lavoro ha preso subito una piega positiva e ciò che si è costruito in una settimana, resta una di quelle esperienze permanenti che la vita custodisce per sempre. Arrivati in quel posto ci si è subito resi conto che anche la comunità locale era stata coinvolta nel progetto, quindi il gruppo di giovani provenienti da otto paesi dell’Europa, si è confrontato e perfettamente integrato anche con la comunità locale. La lingua utilizzata era sì l’inglese, ma questa esperienza ha messo tutti noi a contatto con varie lingue comunitarie, molti giovani si sono misurati sotto vari aspetti della loro vita, alcuni di loro hanno avuto più coraggio e hanno portato a casa tanta esperienza.

Portogallo2L’organizzazione è stata molto buona ed è stata capace di coinvolgere tutti nei lavori pianificati, offrendo anche momenti molto belli immersi tra la natura e la cultura del posto; è praticamente impossibile trovare un lato non positivo di questo scambio; dobbiamo solo pensare al maltempo che ci ha un po’ inseguiti, ma mai fermati!!!

Queste sono le persone partite con Youmore, tornate con tanto entusiasmo e cariche di positività.

Elisa e Silvia, 17 anni, secondo Erasmus+:  – Appena ci si è presentata l’opportunità non abbiamo esitato un minuto e ci siamo  iscritte. Incontrare persone nuove, parlare solo inglese e vedere posti bellissimi sono le tre idee di base; aggiungiamo che adattarsi, collaborare, divertirsi, insomma tornare e sentirsi un’altra persona; durante quella settimana abbiamo conosciuto ragazzi e adulti provenienti da otto paesi europei, non proprio uguali tra loro: la lingua, le abitudini, i modi diversi di relazionarsi, persino di salutarsi, tutto ha contribuito a formare in noi una coscienza di cittadini europei che possono convivere in piena amicizia, anzi, abbattere barriere e creare catene di amicizie.

Portogallo4 (1)Erika, 19 anni, primo Erasmus+  : ho condiviso questo viaggio con persone che hanno arricchito la mia cultura e che mi sono state di grande compagnia. Grazie alla varie attività ho potuto conoscere i miei limiti confrontandomi con la lingua inglese, ma ho capito anche la voglia di superarli e migliorare me stessa.

Lorenzo, 18 anni, primo Erasmus+:  le persone che si conoscono segnano profondamente il tuo percorso di vita, lasciando ricordi che molto difficilmente si dimenticano.

Giulio, 19 anni, secondo Erasmus+: sono partito con la paura di non riuscire ad integrarmi, non conoscevo nessuno, non mi sono fermato e ho abbattuto tutti i pregiudizi; un’esperienza che mi ha aperto la mente e che mi ha regalato degli ottimi compagni di viaggio.

Portogallo1Chiara, group leader: essere disponibili sempre con tutti e aperti; tutto torna; anche stavolta tutti i  ragazzi si sono rivelati la parte più bella dell’esperienza: non importa dove si vada, cosa si veda, cosa si mangi, se la voglia è quella di un’esperienza positiva tutto attorno lo diventa, e grazie a loro lo è stato anche stavolta.

Che dire: Elisa, Silvia, Erika, Giulio, Lorenzo sarebbero pronti, ora, a ripartire! Grazie Erasmus+, grazie Porto, grazie Youmore!!

Scritto da Group leader Chiara Lecchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *