Warning: usort(): Array was modified by the user comparison function in /web/htdocs/www.youmore.org/home/wp-content/plugins/custom-sidebars/inc/class-custom-sidebars.php on line 707

Ciao!!! Mi chiamo Amanda

Comment

progetti Progetti internazionali SVE
Untitled design

Ciao!!! Mi chiamo Amanda e ho 20 anni. Sono nata in Svezia e ho trascorso la maggior parte della mia vita lì (eccetto le vacanze) fino a novembre dell’anno scorso, quando ho deciso di fare il Servizio Volontario Europeo (SVE) e trasferirmi a Chiari, in Italia. Spostarsi da casa è un grosso problema, ma spostarsi in un altro paese è ancora più difficile. Fortunatamente ho avuto persone per aiutarmi fino in fondo. Il mio coordinatore in Svezia mi ha aiutato con tutto prima della mia partenza e le mie colleghe e compagne di stanza mi hanno supportato al 100% quando sono arrivata.
Quindi, perché ho deciso di fare uno SVE? Di solito quando Untitled design (2)vuoi partire per uno SVE cerchi e cerchi un progetto o un paese che si adatti alle tue preferenze, ma non è stato così per me. Ho finito il liceo a giugno 2017 e dopo 13 anni di scuola mi sono sentita come se fosse il momento di provare qualcos’altro. Ho lavorato in un’azienda di giardinaggio durante l’estate, ma poiché l’estate in Svezia è breve, ho dovuto trovare un altro lavoro in ottobre. Stavo cercando diversi lavori ma nulla sembrava giusto. Dopo un paio di settimane ho ricevuto una telefonata da una donna che mi chiedeva se fossi interessata al volontariato in Italia. Ho incontrato la persona che era responsabile di uno scambio giovanile e mi sono resa conto abbastanza velocemente che era quello che stavo aspettando. Un anno in un nuovo paese, con nuove persone, lavoro di volontariato e allo stesso tempo la possibilità di viaggiare in uno dei paesi più belli del mondo!
Quindi non ho scelto lo SVE, lo SVE ha scelto me!


La maggior parte del mio tempo di lavoro a Youmore Morcelli Giovani ho fatto dei diversi tipi di lavoro d’ufficio. Rispondere alle e-mail, pubblicare articoli e nuovi progetti sui social media e sul sito web e realizzare i volantini e i video. Il lavoro d’ufficio non è la cosa che preferisco, ma è necessario essere in grado di andare nelle scuole e dire ai giovani quali opportunità e possibilità hanno quando si tratta di scambi linguistici e culturali. Penso che il nostro lavoro sia molto importante, per diffondere la voce che ci sono più cose da imparare e cose nuove da provare al di fuori della classe. Anche se non sono la migliore in italiano, cerco di motivare i giovani e mostrare loro quanto possono imparare e quanto possono essere divertenti, perché mi piacerebbe aver saputo di Erasmus+, scambi giovanili e SVE quando ero più giovane. Durante l’anno Biljana, Stephanie ed io abbiamo organizzato “English Breakfast“ (la colazione inglese), una edizione a Sarezzo, due edizioni a Chiari e due a Desenzano. Il concetto è che un gruppo di 10-15 italiani si incontrano il sabato mattina per due ore per parlare solamente in inglese. Non siamo lì per essere i loro insegnanti e insegnare loro la grammatica, l’ortografia e così via. Siamo lì per aiutarli e incoraggiarli a usare le parole che già conoscono. Principalmente giochiamo: “perduti nella giungla”, “memoria” e “non si può dire si o no” ; sono alcuni dei miei giochi preferiti.
Uno SVE è come avere una seconda famiglia; almeno è stato così per me. Nel mio posto di lavoro siamo cinque giovani donne provenienti da diverse parti d’Europa e con personalità diverse e anche se non sempre siamo d’accordo, siamo sempre lì l’una per l’altra a sostenere e confortare.
Il mio SVE mi ha creato legami che penso dureranno per sempre. Ho imparato una nuova lingua e ho sperimentato una nuova cultura, sono diventata parte di qualcosa di nuovo, qualcosa di diverso da quello a cui sono abituata. Sono così grata che Youmore mi abbia accolto nella sua famiglia.
Insieme alle mie due coinquiline, Stephanie e Biljana, ho viaggiato in ogni angolo d’Italia. Ho incontrato persone da tutta l’Europa e tutti mi hanno portano qualcosa di diverso. Impari da loro e insegni loro le cose, è uno scambio che non si ferma mai. E prendiamoci un momento per il cibo.
Non c’è niente di meglio del gelato con brioche o di un raviolo fatto alla perfezione o uno degli altri cento tipi di pasta che questo paese ha da offrire. È bellissimo!
Prima di questa esperienza non avevo mai sentito parlare di SVE, ma sono contenta di averlo fatto perché questo è stato l’anno migliore della mia vita. E un anno fa non avrei mai pensato che sarei stata qui oggi. Puoi viaggiare in un paese ma ancora non conosci il paese. Devi vivere lì ed essere veramente connesso alla comunità e alle persone per capirlo. E questo è quello che quest’anno mi ha regalato!
Dopo quest’anno sembra strano tornare in Svezia e tornare a una vita di lavoro o dello studio.
Quest’anno mi ha dato tanto e voglio continuare a conoscere cultura, lingua, persone e paesi. Il mio obiettivo è continuare a viaggiare e sperimentare altre parti del mondo. E chissà cosa potrebbe portare il futuro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *